· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 gennaio 2022
Omero e Cristo Che cos’è il tempo? Il tempo non esiste, il tempo sono cifre, il tempo è relazione: di essere e non essere. Materiali preparatori a «Delitto e castigo», pss 7,161 *  *  *  * Il primo gennaio 1840 il diciannovenne Fedor Dostoevskij, all’epoca studente di ingegneria presso la Scuola del Genio militare di San Pietroburgo, scrive al fratello Michail una lunga lettera. Ed è già questo un fatto rilevante, perché essa è l’unica in tutto l’epistolario che porta la data del primo dell’anno. La missiva inizia con dei riferimenti agli studi, in particolare alla storia e alla letteratura, mentre all’ingegneria da campo, alla geodesia e alla fisica, riserva solo brevi richiami da cui si capisce il suo scarso trasporto proprio verso le cosiddette “materie di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati