· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
Cos’è l’inferno? Padri e maestri, io penso: «Cos’è l'inferno?». E ragiono così: «L'’nferno altro non è che la sofferenza non di essere più capaci di amare». I fratelli Karamazov, PSS 14,292 *  *  *  * Nell’anno che si sta chiudendo si è celebrata la cifra tonda di due anniversari importanti, gli ottocento anni della morte di Dante e i duecento anni di quella di Dostoevskij. Fin da quando lo scrittore russo era in vita la critica a lui contemporanea ha trovato dei parallelismi con l’opera del poeta fiorentino. Proprio le tante atmosfere cupe della San Pietroburgo che fa da sfondo ai suoi romanzi, oppure le ossessioni e i lucidi deliri di molti suoi personaggi a buon diritto hanno alimentato l'impressione di trovarsi di fronte a paesaggi e figure ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati