· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 luglio 2021
Sete di credere – E io forse non credo neanche in Dio! – Voi non credete! Che vi succede!, disse con calma e prudenza Lise. Ma Aleša non rispose a riguardo. C’era in queste sue parole troppo repentine qualcosa di troppo misterioso e troppo soggettivo, forse di non chiaro neppure a lui, ma che indubbiamente già lo tormentava. «I fratelli Karamazov», PSS 14, 201 *  *  *  * La domanda su Dio in Dostoevskij è sempre una questione aperta. Non c’è mai una risposta definitiva che possa far decidere una volta per tutte per il sì o per il no. Il tema dell’ateismo, tanto presente nella sua opera, in fondo è come una corrente elettrica che continuamente attraversa le sue pagine e le illumina non tanto con il senso di una risposta certa ma con la verità misteriosa di una ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno