· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 dicembre 2021
«Un regalo divino» Come tutti i grandi anche Dostoevskij ha dato vita a una produzione apocrifa come la breve favola in versi che viene presentata oggi nell'imminenza del Natale in una mia traduzione dal russo. Essa è conosciuta anche come «Il piccolo angelo» e sicuramente deve il suo successo alla delicatezza con cui tocca il tema universale della bontà al quale l'atmosfera natalizia rende tutti particolarmente sensibili. *  *  *  * Un piccolo angelo la vigilia di Natale / Dio inviò sulla terra: «Quando passerai per il bosco, / – Egli disse con un sorriso – / taglia un abete e dallo / al bimbo più buono della terra, / al più affettuoso e sensibile, / in ricordo di me». Il piccolo angelo si confuse: / «Ma a chi devo darlo? / Come sapere quale ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati