· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 novembre 2021
I segni della fine Raskol’nikov, in via di guarigione, ricordò i sogni di quando era a letto in preda alla febbre e al delirio. Una volta durante la malattia aveva sognato che tutto il mondo era condannato a essere vittima di un morbo pestifero tremendo, mai sentito e visto prima... Delitto e castigo, PSS 6,419 *  *  *  * Posto quasi al termine di Delitto e castigo, il sogno di Raskol’nikov della grande pestilenza che sconvolgeva il mondo si presenta con i connotati di una profezia. Nello specifico in esso si fa riferimento a un'epidemia di «nuove trichine», che diffondevano «un morbo pestifero» i cui effetti non prevedevano pustole sulla pelle oppure febbri. Nell’infezione infatti erano assenti i sintomi fisici ma si notavano solo quelli psichici. Perciò quando gli uomini venivano ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati