· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 novembre 2021
Centralità di Cristo Unicamente per questo l’Occidente muore: perché ha perduto Cristo. Lettere, PSS 29/1,214 *  *  *  * È questo un passaggio di una lettera a Nikolaj Strachov del 30 maggio 1871 nella quale lo scrittore russo testimonia quanto per lui contasse la figura di Cristo e quanto alla sua eclissi corrispondesse il declino dell’Occidente. L’immagine di Cristo, il suo volto, come in una icona bizantina, è il centro da cui si irradiano quelle linee di luce capaci di rischiarare la tenebra nella quale l’uomo, non prima né dopo Cristo, ma senza Cristo, si trova ad essere avvolto. Sono molti i luoghi dei suoi romanzi in cui avviene questo rischiaramento. Basti pensare a quel volto di Cristo che campeggia in Delitto e castigo nell’episodio della lettura, fatta da Sonja, del passo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati