· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 settembre 2021
Il Credo di Fëdor Porgere la guancia, amare gli altri più che se stessi, non perché è utile, ma perché piace fino al sentimento bruciante, fino alla passione. Cristo si sbagliò, è confermato. Questo sentimento bruciante dice: meglio rimanere con l'errore, con Cristo, che con voi! Quaderno 1880-1881, PSS 27, 57. Questo appunto è tratto da un quaderno del 1880-1881, l’ultimo anno di vita di Dostoevskij. Lo precede un’altra annotazione che in un certo senso ne costituisce la premessa. Anche in questo caso poche righe di scrittura minuta e nervosa, in cui fissa la sua attenzione sulla tipica affermazione utilitaristica secondo la quale: «Bene è ciò che è utile, male ciò che non è utile». Niente di più lontano, scrive Dostoevskij, dai ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno