· Città del Vaticano ·

Variazioni su Dostoevskij

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 novembre 2021
Qualcosa è cambiato Basta solo amare ed avere coraggio. Memorie dal sottosuolo, PSS 5,158 *  *  *. * L’incontro con Liza, che chiude la seconda parte delle Memorie dal sottosuolo (1864), è uno dei più drammatici che Dostoevskij propone nella sua opera. Da una parte c’è il protagonista, l’uomo del sottosuolo, lontano dalla «vita vera», che si è formato sui libri, che sa parlare bene di tutto, che ha ragioni da vendere anche quando parla d'amore, di famiglia, di figli. Dall’altra c’è Liza, con i suoi silenzi che la fanno apparire una povera creatura di fronte all’abilità verbale dell’altro: «Lei... è proprio come un libro stampato», gli dice la giovane durante l'incontro nel «negozio di mode» dove la donna era costretta a ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati