· Città del Vaticano ·

Patto globale per l’ossigeno

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 novembre 2021

L’ecocidio delle foreste, i polmoni del pianeta messi a rischio dai ritmi della produzione industriale e da catastrofici incendi, deve finire entro il 2030. La conferenza sul clima di Glasgow (Cop26), secondo anticipazioni, dovrebbe concludersi con un inedito ed ambizioso accordo fra 100 Paesi. Fermare la deforestazione, ovunque. Tra i firmatari Cina, Stati Uniti, Canada, Russia, Brasile, Indonesia e Repubblica Democratica del Congo. Solo questi Paesi “valgono” l’80% delle foreste che filtrano ancora l’aria del mondo. Un patto per l’ossigeno che compensa il disallineamento registrato, invece, sulla data per arrivare all’obiettivo di non emettere più anidride carbonica. Stati e fondi privati promettono 19 miliardi.

Leggi anche:

Patto globale per l’ossigeno
di Chiara Graziani

Impegni ma senza date