· Città del Vaticano ·

Un impegno globale per il futuro del pianeta

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 settembre 2021
«Chi pagherà per gli incendi in Uganda e in Nigeria? Chi pagherà per la carestia nel Madagascar? E chi pagherà per Gloria e Maria, costrette a lasciare parte dei Caraibi che si desertificano? Come vedete il problema non riguarda solo noi dell’Africa, ma tutte le parti del mondo». Queste le parole pronunciate oggi da Vanessa Nakate, attivista ugandese per il clima e la sostenibilità, aprendo il suo intervento a Youth4Climate, a Milano, l’incontro internazionale dedicato all’impegno dei giovani contro il riscaldamento globale. I giovani della Terra chiedono, in vista del summit di Glasgow, di mantenere le promesse fatte da alcuni Paesi per ridurre le emissioni di carbonio, ma, come ha detto l’attivista Greta Thunberg: «Non mi aspetto molto, se non solo parole, come in molte altre occasioni. Ci ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno