· Città del Vaticano ·

Un libro sull’organizzazione degli istituti di pena

Lavoro e dignità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 luglio 2021
Di questo densissimo volume — F. Giordano, C. Salvato, E. Sangiovanni, Il carcere. Assetti istituzionali e organizzativi, Egea S.p.A., Milano 2021, pp. liii -344, euro 48 — nello spazio di una recensione si possono solo descrivere i tratti salienti, di per sé già notevoli, lasciando al lettore l’opportunità di valorizzare altri elementi non certo secondari. Già dalle prime righe della Prefazione del ministro Marta Cartabia si capisce la complessità di un fenomeno che sfugge a quanti considerano il problema carcerario da lontano. Trascorrere «uno, due, cinque o dieci anni in un carcere non equivalgono a due, cinque o dieci anni in un altro. L’afflittività della pena è fortemente condizionata dall’ambiente in cui la detenzione dovrà avere luogo». Ciò spiega non solo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno