· Città del Vaticano ·

L’Ispettore generale dei cappellani in Italia

Dietro le sbarre si può diventare liberi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 luglio 2021
Rappresentano l’anello di congiunzione tra una legislazione che è tra le più progredite dell’Occidente e strutture che non sono in grado di attuare i principii ai quali essa si ispira. Respirano quotidianamente l’aria del carcere e comprendono quale sia il valore del tempo per i detenuti e che cosa può rappresentare un concreto gesto di attenzione nei loro confronti. Sono i cappellani raccontati da don Raffaele Grimaldi, Ispettore generale dei Cappellani delle carceri italiane, nel suo ultimo libro «La voce di Dio dietro le sbarre» (Tau Editrice). Un testo dedicato all’appassionante e difficile missione dei «tessitori di giustizia» che affronta spinose questioni con intento pastorale. Come vivere questo servizio? Come affrontare le sfide? Come essere portatori di speranza? Come contrastare la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno