· Città del Vaticano ·

I samaritani nei testi di don Primo Mazzolari

Quando i “sottovalutati” diventano protagonisti

 Quando i “sottovalutati” diventano protagonisti  QUO-182
10 agosto 2022
«Per andare dalla Giudea alla Galilea, bisogna passare per la Samaria: paese di transito, quasi una terra di nessuno, secondo il preconcetto dei Giudei. Gente in esilio, i Samaritani, nel suolo stesso del loro paese. Avevano perduto l’unità per aver guardato il mistero dalle cime del Garizim più che dal pinnacolo del Tempio. Di comune non avevano che il giogo straniero e le loro meschine controversie confessionali; l’odio reciproco e il disprezzo di tutti. Ma Gesù ha una predilezione per i Samaritani. Nel suo cuore sono già ritrovati. Basta l’amore di uno solo per vincere ogni orfanezza. Il lebbroso, che torna a dir grazie al Signore appena s’accorge di essere guarito: è un Samaritano. Samaritano è il viandante che soccorre l’uomo caduto in mano ai predoni. Samaritana è la donna che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati