· Città del Vaticano ·

L’allarme del presidente dell’Osservatorio per la sicurezza e la legalità del Lazio, Gianpiero Cioffredi

“Affare virus”, welfare criminale e droga comprata con la paghetta

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
Usura, riciclaggio di denaro sporco, infiltrazioni nelle attività imprenditoriali e commerciali, inquinamento dell’economia, sono solo alcuni dei tasselli di una Capitale dove malaffare e criminalità non sembrano aver subito gli effetti della pandemia. Agevolata dalla crisi economica e sanitaria provocata dalla diffusione del Coronavirus, la criminalità romana ha continuato a espandere il proprio controllo sulla città. «Tutti conosciamo l’abilità delle mafie nell’inserirsi in congiunture economiche avverse derivanti da tragedie o disastri — spiega Gianpiero Cioffredi, presidente dell’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio — e alcuni segnali indicano chiaramente un irrobustimento della malavita a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, con conseguenze ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati