· Città del Vaticano ·

Spunti di riflessione

Facciamo silenzio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 gennaio 2022
A nche se ormai siamo abituati, fanno sempre una certa impressione i tanti che, camminando per strada o guidano l’auto o la moto, parlano apparentemente da soli, ricorrendo alla telefonia senza fili. E più che impressionare, infastidiscono le tante banalità di molti che si ascoltano parlare al cellulare in treno o in metropolitana. Aveva ragione un poeta americano, che diceva: «In principio c’era la parola. E la parola fu tradita» (Ezra Pound). Abbiamo tradito la bellezza della parola. E spesso siamo avvolti da tante parole che servono soltanto a riempire di nulla un vuoto interiore e umano . Anche oggi meditiamo la Parola di Dio. Ma come? Qual è la nostra reazione? Nella prima lettura: «il popolo tendeva l’orecchio al libro della legge... tutto il popolo piangeva, mentre ascoltava le parole della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati