· Città del Vaticano ·

Padre Davide De Guidi, comboniano, accoglie e cura centinaia di uomini, donne e bambini che provano a sfuggire alle violenze che da anni si stanno consumando a Cabo Delgado

Come una famiglia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 gennaio 2022
Dal 2017 un’area senza pace Quasi quattromila persone sono fuggite dai loro villaggi nell’ultimo mese per l’intensificarsi degli attacchi jihadisti nella provincia settentrionale di Cabo Delgado, mirati a conquistare fette sempre più ampie di territorio.  È solo l’ultimo evento del dramma che colpisce quest’area del Mozambico dall’ottobre del 2017, anno in cui è iniziata l’insurrezione dei fondamentalisti che hanno messo a ferro e fuoco intere città e villaggi, con oltre seicento donne rapite e ridotte in schiavitù. Elevato tasso di analfabetismo, disuguaglianze, malnutrizione infantile, crisi dei valori etico-sociali e tensioni etniche e religiose sono tra le tante emergenze che affliggono il territorio. Una situazione che ha spinto recentemente i leader religiosi della provincia, ispirati ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati