· Città del Vaticano ·

A duecento anni dalla nascita di Heinrich Schliemann, l’archeologo che scavò il sito di Hissarlik

Sulle orme di Omero

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 gennaio 2022
Kurt Wilhem Marek, con lo pseudonimo di C. W. Ceram, nel 1949, pubblicando per la prima volta Civiltà sepolte. Il romanzo dell’archeologia, che diverrà un vero e proprio bestseller, con i tratti inequivocabili del saggio divulgativo, ci informa della singolare figura di Heinrich Schliemann: «Qui si racconta una favola, la favola del giovane mendicante che all’età di sette anni aveva sognato di trovare una città e che trentanove anni più tardi trovò non soltanto una città, ma anche un tesoro». In questo veloce passaggio, sono racchiuse la vita e l’attività di un uomo qualunque, che, enfatizzando le sue gesta in una autobiografia “gonfiata” e autoreferenziale, assurge a eroe del suo tempo, nel senso che seppe sdoganare l’idea dell’archeologia nell’immaginario collettivo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati