· Città del Vaticano ·

Cinque capitoli
«Niente di nuovo sul fronte di Rebibbia» e «Strappare lungo i bordi» di Zerocalcare

Le cicatrici contano

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 gennaio 2022
Le rivolte delle persone detenute nelle carceri italiane (in particolare in quelle di Rebibbia e Santa Maria Capua Vetere) a seguito del dilagare dell’emergenza sanitaria da covid-19, le proteste di un gruppo di semplici cittadini contro la chiusura di un presidio di sanità territoriale in piena periferia romana, la cosiddetta cancel culture con le conseguenze — a volte distorte — che ne derivano, il bombardamento in un campo profughi del Kurdistan iracheno, la lunga digressione sulla vita. Sono cinque i “capitoli” in cui è suddiviso l’ultimo pregevole lavoro di Zerocalcare, all’anagrafe Michele Rech, classe 1983, fumettista di successo, nonché autore e interprete di un corto animato di altrettanta fortuna. E sono pure cinque i temi – non a caso, quelli appena richiamati – che vengono affrontati in Niente di nuovo sul ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati