· Città del Vaticano ·

Il Papa celebra la Giornata mondiale della pace

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 gennaio 2022

Solo diventando «artigiani di fraternità, potremo ritessere i fili di un mondo lacerato da guerre e violenze». L’auspicio di Papa Francesco per il nuovo anno è riecheggiato in piazza San Pietro all’Angelus del 1° gennaio, cinquantacinquesima Giornata mondiale della pace. Dopo aver celebrato la messa nella basilica Vaticana — con un’omelia dedicata in particolare alle donne — il Papa si è affacciato a mezzogiorno dalla finestra dello Studio privato del Palazzo apostolico per la recita della preghiera mariana, al termine della quale ha ricambiato gli auguri rivoltigli dal presidente della Repubblica italiana Mattarella.

Nel pomeriggio precedente, aveva partecipato, sempre nella basilica Vaticana, ai primi Vespri della solennità di Maria santissima Madre di Dio — presieduti dal cardinale decano Re — cui hanno fatto seguito l’esposizione del Santissimo Sacramento, il tradizionale canto del Te Deum a conclusione dell’anno civile e la benedizione eucaristica. All’omelia Francesco ha chiesto che Roma sia città più accogliente e attenta ai deboli.

L'omelia del Papa

L'Angelus

La cronaca