· Città del Vaticano ·

L’esempio di Gino Pistoni indicato dal Papa ai ragazzi di Azione cattolica

Offrire la vita per il “nemico”

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 dicembre 2021

La vita di Gino Pistoni (Ivrea, 25 febbraio 1924 - Valle di Gressoney, località Tour d’Héreraz, 25 luglio 1944) è una storia impressionante, anzitutto per la sua “normalità” e poi per l’accelerazione vissuta che la farà diventare una vera corsa verso Gesù. Viene in mente san Paolo: «Non ho certo raggiunto la mèta, non sono arrivato alla perfezione; ma mi sforzo di correre per conquistarla, perché anch’io sono stato conquistato da Cristo Gesù» (Fil 3, 12).

A un certo punto di una vita “normale”, piena di gioia, di amici, di sport, con la fatica dello studio, Gino si lascia prendere e trasformare dall’entusiasmo di aver conosciuto l’Azione cattolica; scopre la preghiera silenziosa davanti al tabernacolo, l’emozione di vivere un nuovo feeling con Gesù, che nel Getsemani dona la sua vita; sente un forte amore per la sua patria che sogna libera da dittature e ideologie; ed ecco la decisione di andare, da cristiano, con i giovani partigiani della sua zona (ogni sera il Rosario, lui e un gruppo di amici, incuranti delle battute di alcuni), fino alla scelta, senza esitazione, di soccorrere un giovane “nemico” rimasto ferito sul campo e portarlo al riparo. In quel momento lui stesso viene ferito gravemente da una scheggia che gli recide l’arteria femorale: è rimasto solo, non riesce a fermare il sangue, prende il suo sacchetto di tela e scrive col sangue il suo testamento: «Offro mia vita per A.C. Italia W Cristo Re». Gesto e parole che richiamano da vicino quanto Papa Francesco ha scritto al numero 5 di Gaudete et exsultate sull’offerta della vita.

Sul sacchetto di Gino la parola «Offro» è scritta per prima, ben in alto, e fa pensare non solo al Getsemani scoperto pochi mesi prima, il Giovedì Santo, ma anche alle parole di Gesù: «Io do la mia vita... nessuno me la toglie: io la do da me stesso» (Gv 10, 17-18), quando sa che la congiura contro di lui è ormai decisa e inesorabile.

È importante capire che il gesto di Gino non fu improvvisazione, ma era preparato nel suo cuore.

Aveva ricevuto dei doni: una buona famiglia con discrete possibilità, un fisico sportivo, un’educazione curata, dai Salesiani e dai Fratelli delle scuole cristiane (ma non era un “secchione”), soprattutto la fortuna di essere seguito da due preti come don Mario Vesco e don Cesare Meaglia, che lo hanno educato a una fede matura e libera.

Ma la sua vita cambiò radicalmente con la scoperta e l’ingresso in Azione cattolica. Divenne un attivista generoso e infaticabile. Il Giovedì Santo del 1944 aderì con entusiasmo alla Società operaia fondata dal presidente di Azione cattolica Luigi Gedda, un gruppo animato dalla spiritualità del Getsemani e particolarmente impegnato nella preghiera e nell’apostolato. Queste due nuove “scoperte” di Gino sono quelle che hanno fatto maturare in lui le scelte decisive: da cristiano per una patria libera, da cristiano di fronte al giovane “nemico” ferito, da cristiano di fronte all’imminente incontro con Gesù, Cristo Re, il suo Amico e Signore.

Le parole di Papa Francesco su Gino Pistoni — sabato 18 dicembre, nella tradizionale udienza per gli auguri natalizi con l’Azione cattolica ragazzi — aiutano a mettere a fuoco alcuni motivi che rendono attuale oggi un testimone come lui. Anzitutto un cristiano giovane, innamorato della vita, delle sue montagne, ma anche dell’amicizia e degli scherzi da fare agli amici. Poi il passaggio da una fede vissuta, come tanti, a un rapporto personale intenso con Gesù: un’amicizia che gli costava al mattino la fatica di svegliarsi per arrivare alla messa o almeno alla Comunione, ma che gli riempiva il cuore specialmente nei momenti di silenzio davanti al tabernacolo. Un cristiano non separato o arroccato ma immerso nella vita e nei problemi della sua città e del suo Paese, in un tempo drammatico, dove non era facile evitare di nascondersi o di mimetizzarsi. Infine il suo gesto estremo, di aiuto a un “nemico” ferito, che suona per noi oggi come gesto di riconciliazione, pagato col sangue; un cammino di riconciliazione che in Italia ancora non è compiuto e che il dono della vita fatto da Gino potrà incoraggiare e sostenere.

Fin da subito il sacrificio di Gino Pistoni è stato per i suoi amici come una luce nuova su quel ragazzo che per molti era solo un allegrone bravo a organizzare scherzi. Il primo a capire e a commuoversi fu proprio il suo presidente dell’Azione cattolica diocesana, Giovanni Getto, per lunghi anni ordinario all’università di Torino e conferenziere apprezzato dal mondo cattolico e laico. Fu lui a scriverne un profilo biografico e spirituale, con una prima stesura fatta pochi mesi dopo la morte e successivamente ripresa e ampliata. Sono poi seguite altre pubblicazioni, di Claudio Russo, di Gianpaolo Redigolo, di fr. Dino De Carolis, fino al recente agile libro di don Piero Agrano: Gino Pistoni, quando morire è offrire. Papa Francesco, parlando ai ragazzi dell’Acr, è andato al cuore della santità di Gino: «Che ognuno di voi dia la vita, ma bene, con tutto: si esprima come lui si è espresso con il sangue, esprimersi con tutto quello che ha».

*Arcivescovo emerito di Cagliari
e già vescovo di Ivrea

di Arrigo Miglio*