· Città del Vaticano ·

«Poussin and the Dance» a Londra

Al di là degli stereotipi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 dicembre 2021
Contro gli stereotipi nel rispetto della verità integrale. Nicolas Poussin non era un pittore inamidato, serioso: alcuni critici si sono spinti ad affermare che invece di comporre quadri avrebbe dovuto scrivere trattati filosofici. L’artista francese ( xvii secolo), di impostazione classicistica, non era fossilizzato in una concezione ispirata a criteri di ordine, equilibrio e compostezza formale. Si abbandonò anche a una vena più sbrigliata realizzando tele attraversate da un ritmo sferzante che smentisce l’esclusività di una cifra stilistica fredda e protocollare. Si lega a questa prospettiva, poco conosciuta ai più, la mostra «Poussin and the Dance» allestita (fino al 2 gennaio) alla National Gallery di Londra. Un’esposizione che ha dunque il rilevante merito di far apprezzare al grande ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati