· Città del Vaticano ·

La lettera di Tariq e i debiti di Rosario

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 dicembre 2021
«Un giorno quand’ero piccolo chiesi a mia madre dov’era Dio. Tutti nei palazzoni parlavano di Dio, e ognuno a modo suo. Non capivo. Mia madre mi portò alla finestra e sussurrò: “Là. In cielo. E nel campo. Perfino dove passa l’autostrada”. “E tra le colonne?” le chiesi. “Al supermercato? Al campo skate?”. Annuì. “Ma tu non dirlo in giro. È il nostro segreto”. Ora, guardando le tende, sono certo che sia anche lì. In quella stoffa marrone scuro e impolverata, che lascia intravedere solo qualche centimetro di pavimento (…). Metto la mano in tasca, e subito tocco la lettera. Stropicciata. Sudata. Calda. Forse Dio è anche lì». C’è una lettera che accompagna Tariq, il ragazzino protagonista del romanzo omonimo di Alice Keller (Monselice, CameloZampa, 2021, pagine 88, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati