· Città del Vaticano ·

Santa Matilde di Helfta, la voce melodiosa che consolava gli afflitti

L’usignolo di Dio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 novembre 2021
La chiamarono “l’usignolo di Dio” per la voce melodiosa che rapiva gli ascoltatori con la soavità del suo canto e per il fascino che s’irradiava dalle sue meditazioni e dalle sue parole trascinatrici. E ancora oggi santa Mechthild von Hackeborn, nota anche con il nome di Matilde di Helfta (1241/1242 –1298), attrae profondamente quanti si avvicinano al Liber gratiae specialis, che racchiude il racconto della sua vita e delle sue esperienze spirituali, in un clima pieno di luce, di dolcezza e d’amore. Il testo non fu scritto direttamente dalla santa, ma da due sue discepole, monache nello stesso convento e rispecchia comunque fedelmente il suo insegnamento e il suo fervore. Matilde nacque nel 1241 o nel 1242 nel castello di Helfta, in Sassonia, in una famiglia nobile fra le più ricche e potenti della Turingia, legata da ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati