· Città del Vaticano ·

Un sedicenne ucciso nelle proteste anti-golpe

Accordo in Sudan: i militari reinsediano il primo ministro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 novembre 2021
Khartoum, 22. Possibile svolta in Sudan dopo il colpo di Stato dello scorso 25 ottobre, che ha fatto saltare il precario equilibrio tra militari e civili nella gestione della transizione democratica. Il deposto primo ministro, Abdallah Hamdok, è tornato infatti a guidare l’esecutivo grazie ad un accordo firmato con il generale golpista, Abdel Fattah al-Burhane. L’intesa, considerata dal movimento anti-golpe come un «tradimento», ha tuttavia suscitato nuove proteste. Ieri, negli scontri con le forze dell’ordine è rimasto ucciso a Omdurman un sedicenne colpito alla testa da un proiettile. La sua morte porta così a 41 il bilancio delle vittime della repressione delle proteste. Nelle stesso ore, Hamdok stava dichiarando di voler «fermare prima di tutto lo spargimento di sangue». «L’accordo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati