· Città del Vaticano ·

«Repubblica sorda» di Ilya Kaminsky

Se la disabilità viene trasformata in risorsa potente

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 novembre 2021
La grande letteratura dei romanzi distopici (1984, Fahrenheit 451, La notte della svastica, Il racconto dell'ancella, Cecità...) è per eccellenza il laboratorio principe di intercettazione e trasformazione dell’angoscia per l’ineffabile, l’incerto, l’oscuro spaventoso prossimo a incombere, in un immaginario drastico, radicale, capace di proporre coordinate per la crescita di un pensiero critico e di decodifica dell'ansia storica collettiva, verso un presente, e un futuro, sempre più insicuri, che sembrano definitivamente sfuggire al controllo del singolo. Per la potenza delle sue immagini, lo spessore ideologico, l’incomparabile bellezza del racconto lirico di una grande storia che si intreccia a quella di ciascuno, per le illustrazioni nella lingua dei non udenti, Repubblica sorda (Milano, La nave di Teseo 2021, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati