· Città del Vaticano ·

Nella memoria liturgica di san Roque González de Santa Cruz il martire gesuita fondatore delle “reducciones”

Difensore dei guaraní

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 novembre 2021
Le imponenti rovine dei Sete Povos das Missões, oggi patrimonio dell’umanità, narrano al mondo l’audacia evangelizzatrice e lo slancio apostolico dei missionari gesuiti e, in particolare, di san Roque González de Santa Cruz (1576-1628), il primo apostolo del Rio Grande del Sud, coraggioso difensore delle popolazioni autoctone, iniziatore e fondatore delle reducciones. Chiunque le visiti è colpito da tanta grandezza. Ma forse si è colpiti ancor più dalle reliquie conservate ad Asunción, nella cappella dei Santi Martiri presso il Collegio di Cristo Re, dove si custodiscono l’ascia con cui san Roque fu ucciso e il suo cuore, rimasto miracolosamente illeso quando il corpo, dopo il martirio, fu dato alle fiamme. «Il suo cuore incorrotto costituisce un’immagine eloquente dell’amore ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno