· Città del Vaticano ·

Fisime e ossessioni nel «Dizionario del bibliomane»

«Per ricordare il titolo non leggo il libro»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 novembre 2021
Anche da “un ramo guasto” possono germogliare frutti cospicui. «Che senso ha affastellare libri, che costituiscono un pesante problema di conservazione e pulizia? Che senso ha se ognuno di quei libri verrà toccato sì e no ogni quindici anni?». Sono questi gli interrogativi posti dal saggista Antonio Castronuovo nel Dizionario del bibliomane (Palermo, Sellerio, 2021, pagine 497, euro 16) cui è facile, ma non semplice, dare una risposta. Il groviglio di manie, ossessioni e fissazioni che costellano l’universo abitato da chi divora libri è infatti sufficiente a spiegare il perché ci si imbarca in un’impresa così ostica, come quella della cura, paziente e caparbia, del materiale cartaceo. Al contempo, tuttavia, risulta non agevole addentrarsi nel labirintico approccio all’atto della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati