· Città del Vaticano ·

Nello Stato birmano di Kayah la missione di sacerdoti e religiosi

Tra proiettili e virus

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 novembre 2021
In Myanmar, nazione stigmatizzata da un diffuso conflitto a bassa intensità e dalla pandemia, il conforto spirituale della fede, della preghiera e dei sacramenti è un elemento prezioso e cruciale: lo raccontano sacerdoti, consacrati e laici cattolici birmani che, dopo il golpe del primo febbraio e la risposta della popolazione, che ha avviato forze di resistenza, si trovano in un momento molto difficile per la vita pastorale delle comunità cristiane. «Tra la sofferenza, paura e povertà che vediamo tra la nostra gente, ci sentiamo più fortemente chiamati a donare consolazione e speranza», nota a «L’Osservatore Romano» padre Celso Ba Shwe, amministratore diocesano di Loikaw, nello Stato birmano di Kayah, nell’Est del Paese. Suonano come un grande conforto per la Chiesa locale le ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati