· Città del Vaticano ·

Alla conferenza di Glasgow i costi della decarbonizzazione

Cop26, il debito ecologico

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 novembre 2021
Glasgow, 3. La Conferenza sul clima di Glasgow, chiusa ieri la parte degli interventi dei leader nazionali, passa ai lavori veri e propri. E affronta la domanda messa sul tavolo mondiale da Paesi emergenti e Paesi sommersi, questi ultimi drammaticamente schiacciati sul fondo dalla miseria e dal mutamento climatico: chi paga, è il tema, la decarbonizzazione che deve salvarci tutti, emersi, emergenti e sommersi? Il messaggio di Papa Francesco, portato alla Cop26 dal segretario di Stato Pietro Parolin, ha ricordato un “debito ecologico” dei Paesi di maggiore capacità economica rispetto a quelli gravati anche dal fardello del “debito estero”. Un concetto che era risuonato in diversi interventi e che il presidente malgascio, Andry Rajoelina, intervenuto ieri a Glasgow, aveva descritto come «l’indebito fardello» ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati