· Città del Vaticano ·

L’arte

Renoir e la luce

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 novembre 2021
Nella seconda metà dell’Ottocento la Grenouillère (un complesso balneare sulle rive della Senna) costituiva uno dei luoghi più ricercati, dove la borghesia parigina amava trascorrere il tempo libero. È in questa suggestiva cornice che nasce e si sviluppa la pittura che sarà poi chiamata impressionista, grazie all’assidua ricerca sulla luce, e sui suoi molteplici effetti, condotta da Renoir e da Monet. Entrambi gli artisti si cimentarono nel cogliere, con pennellate rapide e talora nervose, frammenti di quella vie moderne di cui parla Baudelaire in un celebre saggio critico per il Salon del 1846: «L’eroismo della vita moderna ci circonda e ci avvolge. Modernità è tutto quanto è transitorio, fugace, contingente». Di quel luogo Renoir, intitolato appunto La ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati