· Città del Vaticano ·

Nel ritratto realizzato da Giuseppe Mendicino la sintesi dell’elemento biografico e della dimensione letteraria ed etica

È molto più difficile dire no che sì

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 ottobre 2021
Ci sono gesti che indicano la cifra di un uomo: Russia, fine dell’estate di guerra del 1942, l’alba sorge sulla pianura, illuminando gruppi di alpini che escono dalle erbe alte e muovono all’attacco di una posizione nemica. È una strage: il battaglione Vestone, che conta quasi settecento soldati, ne perde più di due terzi, fra morti e feriti. Tra quei giovani, un futuro scrittore dal respiro europeo: Mario Rigoni Stern. È stordito e nauseato dalla battaglia, sconvolto dallo spettacolo di morte. Tre sovietici sono stati catturati: gli viene ordinato di ucciderli. Il sergente Rigoni rifiuta: non si spara a uomini disarmati. La morale prima della guerra. L’esecuzione sarà compiuta da altri, ma quel rifiuto, in quel frangente, dice molto dell’etica e dell’umanità di Mario Rigoni Stern, che cesellerà ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno