· Città del Vaticano ·

I mostri, così lontani così vicini

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 ottobre 2021
Il mostro ci terrorizza perché ci ri-guarda: non possiamo fare a meno di guardalo ma lui ricambia lo sguardo, come uno specchio che riflette le immagini. Scopriamo che quell’orrore che ci attira spaventandoci e che finiamo per mirare non è solo fuori ma dentro, all’interno del nostro cuore. Il verbo “mirare” è il più adeguato: l’uomo non ammira l’orrore ma lo mira, lo guarda, scrutandolo e poi lo “prende di mira”, cioè, rimuovendolo lontano da sé, lo scarica, addossandolo sugli altri. Il mostro diventa bersaglio, nel “mirino” di chi si sente “normale”. È il meccanismo che ritroviamo anche nelle storie che hanno dato vita ai tre grandi film di novanta anni fa, in quel formidabile 1931 che vide l’uscita di Dracula, Frankenstein e Il mostro di Düsseldorf raccontati in questa pagina ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati