· Città del Vaticano ·

Oltre la soglia
della vergogna

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 ottobre 2021

L’Unicef denuncia che ogni giorno nello Yemen martoriato da guerra e fame quattro bambini muoiono o restano feriti. Mentre il «Wall Street Journal» racconta la storia di famiglie afghane costrette a pagare i debiti vendendo i propri figli


Emergenza umanitaria dimenticata. Secondo il rapporto dell’Unicef presentato ieri nel corso della conferenza stampa al palazzo delle Nazioni a Ginevra, nello Yemen muoiono o restano feriti 4 bambini al giorno. Altri 400.000 soffrono di malnutrizione acuta grave e oltre 4 milioni sono a rischio di abbandono. «Un dato orribile e inaccettabile» commenta il portavoce italiano dell’organismo, Andrea Iacomini.

Ma non è solo nello Yemen che la soglia della vergogna è stata superata. Secondo quanto riportato dal «Wall Street Journal» in Afghanistan alcune famiglie pagano i debiti contratti con i creditori vendendo i propri figli. L’allarme era stato lanciato poche settimane fa dalla tv afghana Tolo News, secondo cui, altre mamme sono state costrette ad abbandonare i propri piccoli per acquistare medicinali e generi di prima necessità. I prezzi dei prodotti alimentari, infatti, sono raddoppiati da metà agosto.

Leggi anche:

Nello Yemen ogni giorno uccisi o feriti quattro bambini
di Davide Dionisi