· Città del Vaticano ·

«Tucidide e il colpo di Stato» di Luciano Canfora

Le primizie di uno storico

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 ottobre 2021
Non accade spesso che uno storico si trovi immerso nel cuore di una rivoluzione e ne esca vivo. Nell’anno 411 a. C. capitò a Tucidide. Mentre era impegnato nella scrittura, in tempo reale, della guerra lunga e sanguinosa che condusse al tracollo dell’impero ateniese, lo storico si trovò direttamente coinvolto nelle intricate dinamiche della rivoluzione oligarchico-radicale che mirava a stroncare lo strapotere popolare e a chiudere il conflitto abbracciando il nemico, assunto come modello e come alleato. Nel bel mezzo della crisi Tucidide potè dare vita a questo caso unico della storiografia antica raccontando — ne La guerra del Peloponneso — gli avvenimenti dall’interno per giunta dall’osservatorio privilegiato delle più riservate posizioni di comando. I retroscena di questa singolare ed intrigante vicenda ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno