· Città del Vaticano ·

«La balena alla fine del mondo» di John Ironmonger

Una feroce favola profetica

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 ottobre 2021
«Gli esseri umani non sono tessere di un puzzle. Non combaciamo alla perfezione». Sì, nonostante il rischio del rovesciamento narrativo (e non solo) dei luoghi comuni, per i quali l’intellettuale non ne azzecca una e il reale gli fa da avversario virile, una scrittrice sepolta in un paesetto di trecento anime della Cornovaglia pronuncia la frase chiave in La balena alla fine del mondo (Torino, Bollati Boringhieri, 2021, pagine 412, euro 17,50, traduzione di Simona Garavelli), in libreria dal 21 ottobre, del keniota, di formazione zoologo (si è laureato in Inghilterra dove lavora attualmente) John Ironmonger. Racconto lungo — oltre quattrocento pagine, nella media dell’oggi editoriale —, di difficile catalogazione, sempre che ce ne sia necessità: distopia, come ha scritto qualcuno, ma parziale, o, al ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno