· Città del Vaticano ·

Afghanistan

I talebani promettono: «Ragazze di nuovo a scuola»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 ottobre 2021
Kabul, 18. Il vice direttore esecutivo dell’Unicef, Omar Abdi, ha riferito che le ragazze afghane potrebbero tornare a frequentare la scuola secondaria entro un mese o due. La questione dell’esclusione delle bambine e delle ragazze dall’accesso all’istruzione è uno dei macigni sulla via di un’eventuale normalizzazione dei rapporti fra i Talebani, al potere dal 15 agosto, e la comunità internazionale, in particolar modo quella occidentale. Secondo Abdi, in cinque provincie su 34 (Balkh, Jawzjan, Samangan, Kunduz e Urozgan) le ragazze sarebbero già tornate a scuola. Per le altre — avrebbero assicurato esponenti talebani durante la missione Unicef — si tratterebbe di attendere al massimo un paio di mesi. Il ritorno in classe viene garantito per «molto presto». Lo avrebbe garantito ad Abdi il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno