· Città del Vaticano ·

Parte da oggi l’indagine su una comunità di cui si parla malvolentieri

C’erano una volta i rom

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 ottobre 2021
In un’ideale classifica di persone più invise, il primo posto toccherebbe sicuramente ai “rom”, i “diversi” più diversi. I giudizi della popolazione italiana nei loro confronti hanno poche sfumature: “Sono tutti ladri”; “Sono pieni di soldi ma vivono come pezzenti”; “Non hanno voglia di lavorare”; “Puzzano, non gli si può stare vicino”, e via dicendo. Su un totale di 180.000 persone, tra rom, sinti e caminanti, presenti sul territorio italiano (secondo la stima del Consiglio d’Europa), 17.800 sono accomunate da un unico destino di esclusione e da una quotidianità vissuta dentro container, tende, roulotte; realtà abitative denominate con nomi diversi ma che possono essere definite con un’unica parola, cruda ma più corretta: baraccopoli. Le baraccopoli sono luoghi generalmente delimitati da ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno