· Città del Vaticano ·

Cercava la vita nella Verità

15 ottobre 2021
«La mia vita, il mio cuor, il corpo e l’anima,/ quanta, Signor, io sono,/ tutto ai tuoi piedi, o Sposo mio dolcissimo,/ tutto depongo e dono, ed in ostia mi sacro a Te d’amore./ Dimmi che vuoi da me, dimmi, Signore!». Parole, immagini, sentimenti e propositi di santità: è questo l’intreccio divino che vibra forte nei versi di santa Teresa d’Ávila. È il misticismo — scandito al ritmo di canzone — che va a sposarsi con parole scritte sulla carta che sfidano il tempo. Questa successione di lettere scopre l’anima della santa nata ad Ávila il 28 marzo 1515. L’Ordine del Carmelo, nella sua ricca storia, più volte ha scelto la poesia come strumento per parlare di Dio. Leopardi affermava che «la poesia è una fiamma nel cuore». E di vampe d’amore Teresa ne ha sprigionate ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno