· Città del Vaticano ·

La recensione di Hermann Hesse

«Leggere Dostoevskij quando siamo a terra»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 ottobre 2021
Nel marzo 1925 Hermann Hesse recensisce sul quotidiano «Vossische Zeitung» (n. 138 del 22/3/1925) una nuova edizione delle opere di Dostoesvskij («Gesamtausgabe. Das dichterische Werke in sechzehn Bänden») per l’editore J. Ladyschnikow di Berlino, che stampava prevalentemente opere di autori russi (Tolstoj, Čechov, Gor’kij, Achmatova). La traduzione dal tedesco è di Lucio Coco. Su Dostoevskij non c’è niente di nuovo da dire. Tutto quello che di intelligente e corretto, tutto è già stato detto, tutto a suo tempo era nuovo e arguto e nel frattempo è già invecchiato, mentre la figura amata e terribile dello scrittore ci appare sempre nuova segnata di segreto e di mistero, quando noi nelle ore del bisogno e dell’introspezione andiamo ad essa. Il borghese che legge di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno