· Città del Vaticano ·

Una mostra ad Amsterdam su «I mangiatori di patate»

Van Gogh l’incompreso

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 ottobre 2021
Era convinto di aver realizzato un capolavoro ma i suoi amici e i critici d’arte, o presunti tali, non erano dello stesso avviso. Ne I mangiatori di patate (1885) Vincent van Gogh riconosceva il valore del proprio testamento spirituale perché vi manifestava una tensione, sensibile e accorata, verso i poveri e gli umili costantemente ai margini non solo della vita sociale ma anche dell'universo artistico. Quando sottoposte la tela al giudizio altrui, van Gogh rimase molto deluso, anzi profondamente ferito, da valutazioni che finirono per fargli dubitare, nonostante fosse largamente acclamato, del suo talento. Un suo collega, nonché caro amico, Anthon van Rappard, gli scrisse una stinging letter, come rileva «The Times», una caustica missiva che gli inferse un colpo tremendo. «Perché — si chiede van ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno