· Città del Vaticano ·

Piano europeo per fronteggiare l’antisemitismo

07 ottobre 2021
Bruxelles , 7. «Una minaccia ancora attuale, contro cui combattere è un dovere». Per la prima volta nella storia delle istituzioni comunitarie, la Commissione europea ha avviato un piano per combattere l’antisemitismo. Un progetto che si sviluppa in tre fasi — contrasto e prevenzione, promozione della vita ebraica e memoria dell’Olocausto — e che concentra la sua azione innanzitutto sugli haters che, sparsi in tutta Europa, incitano all’odio contro gli ebrei. Nel gergo di internet un hater è un utente “aggressivo” che, approfittando dell'anonimato, insulta violentemente in rete dei soggetti o intere fasce di popolazione per motivi sociali, etnici o culturali. «L'antisemitismo non è un problema per gli ebrei, ma per chi è antisemita. È incompatibile con i valori e il modo di vivere ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno