· Città del Vaticano ·

La foresta della Parigi-Roubaix

Perdersi ad Arenberg

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 ottobre 2021
La Parigi-Roubaix non è una corsa ciclistica come le altre. Il suo nome evoca già qualcosa di leggendario anche alle orecchie di chi non mastica questo sport; le immagini dei ciclisti coperti di fango a pedalare nella pioggia che bagna quasi sempre le sue strade piacciono a tutti in fondo, tanto a chi è appassionato quanto a quelli che sono convinti che fosse bello solo il ciclismo eroico di una volta, di cui la Roubaix è un po’ l’epitome. Dopo lo stop dovuto al covid quest’anno gli atleti, e per la prima volta anche le atlete, correranno di nuovo sulle strade mitiche a cavallo tra Francia e Belgio e a competere per vincere uno dei mitici “sassi” che spettano al vincitore. Oltre ovviamente alla gloria eterna. Nonostante lo sviluppo tecnologico e i ciclisti sempre più specializzati, la “Course” non ha ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno