· Città del Vaticano ·

Un libro di don Roberto Oliva sul discernimento ecclesiale

Non c’è critica senza autocritica

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 ottobre 2021
Scuole di pensiero si dibattono nel dilemma se sia più difficile perdonare i limiti altrui o saper dichiarare apertamente i propri. Comunque sia, saper esercitare l’autocritica — vera, interiorizzata, non convenzionale — è da sempre esercizio arduo, che richiede insieme coraggio, umiltà e verità con se stessi. Quando si è poi convinti di essere nella parte della verità la pratica diviene ancora più difficile, il pericolo di una supposta coerenza autogiustificante è sempre in agguato, e la parola stessa autocritica diviene imbarazzante, da evitare, un tabù. È quanto accaduto ripetutamente anche nella storia della Chiesa dove il termine era, e tuttora è, infrequente nel lessico ecclesiale. Eppure la capacità di autocritica è uno dei pilastri su cui ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno