· Città del Vaticano ·

Una biografia di John Muir, pioniere dell’ecologismo cristiano

Il mestiere di meravigliarsi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 settembre 2021
Di certe persone, l’identità si condensa nel riconoscere quel che sanno fare. Per lui bastano queste parole: «Questo è tutto il suo lavoro, meravigliarsi». Di tutto: dei ghiacciai che ha perlustrato, dei boschi che ha amato, degli animali che ha incontrato, delle piante che ha studiato. L’incredibile vicenda di John Muir è condensata in questa semplice parola, “meravigliarsi”. Un uomo, ingegnere, botanico, naturalista e viaggiatore, che aveva capito (intriso com’era di “animismo cristiano”) come “tutto è carezza di Dio” (Laudato si’ docet) se si guarda alla natura come al creato di un Creatore. Nato nel 1838 in una località della Scozia e morto a Los Angeles nel 1914, Muir ha attraversato l’Ottocento con l’indole del rivoluzionario, colui che smentiva con il suo sguardo mistico il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno