· Città del Vaticano ·

I «Canti liturgici» di Silvestrov alla Biennale di Venezia

Guardarsi dentro (con discrezione)

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 settembre 2021
Venezia è una città metafisica e un circo di guitti. Mosaici antichi e babbi Natale gondolieri in supposto vetro pregiato si mescolano a maschere bifronte in plastica dozzinale svendute a pochi euro accanto a costosissime scarpe “made in Italy” internazionalizzate con inserti luccicanti. Chiese, statue di condottieri, case abitate da geni del passato, gondolieri mascherati da gondolieri, impassibili Canaletto di incalcolabile valore quasi ignorati a favore di canali affollati da costosi vaporetti. Sacro e profano che provano a ignorarsi. Non sempre ce la fanno. Quando i due mondi si fondono per un momento la miscela di kitsch e preghiera, rischia di deflagrare creando un momento di rara verità. Il 23 sera, per la Biennale Musica, nella Basilica di San Marco forse si è vissuto uno di quegli attimi in cui ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno