· Città del Vaticano ·

Riflessione

I rischi dell’intelligenza artificiale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 settembre 2021
Intelligenza artificiale, in particolare le tecnologie biometriche, rischiano di violare in maniera grave i diritti umani, serve una moratoria. A chiedere che gli Stati adottino serie misure di controllo sull’uso di tecnologie potenzialmente ad alto rischio per la libertà personale, come il riconoscimento facciale, è l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani che rileva come molti governi e aziende si siano affrettati ad adottare le applicazioni di intelligenza artificiale, «senza una dovuta attenzione e chiarezza». I dati biometrici sempre più utilizzati per identificare le persone in tempo reale e da remoto, comportano, infatti, sottolinea l’Onu, la possibilità potenziale del monitoraggio illimitato degli individui. Il riconoscimento biometrico, sempre più ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno