· Città del Vaticano ·

L’ecumenismo in Italia

Nella luce del Vaticano ii

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 settembre 2021
«Con pazienza e gradualità occorre avere un minimo di organizzazione diocesana se vogliamo che l’ecumenismo entri nella pastorale ordinaria delle Chiese locali e vi si realizzi, come ha chiesto il Santo Padre nella Catechesi tradendae, una catechesi ecumenica»: con queste parole monsignor Giuliano Agresti si rivolgeva ai delegati diocesani per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso, il 25 marzo 1983, in qualità di presidente del Segretariato per l’ecumenismo della Conferenza episcopale italiana. Si trattava di un incarico che Agresti, allora arcivescovo di Lucca, aveva accolto con profonda gioia alla luce della sua vocazione per il cammino ecumenico che aveva caratterizzato la sua vita, trovando una nuova dimensione con la celebrazione del Vaticano ii, che tanto aveva detto e fatto per il ripensamento della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno