· Città del Vaticano ·

Strisce di memorie e di passato

Il catasto e i fantasmi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 settembre 2021
Tutto ha inizio nell’ufficio del catasto di Asiago, 1970. Mario Rigoni Stern è ormai in grigie chiome, convenientemente vestito, polsini e colletto azzimati, da bravo funzionario, perfetto nei quadri dello Stato come il rotismo d’una macchina agricola. È un lavoro noioso, schematico, che paga a data fissa, in esatte lire italiane, non certo in gloria, battimani o scariche d’adrenalina. Eppure, checché se ne dica, è proprio l’impiego più adatto ad un uomo fantasioso (Malvaldi docet): anche Pessoa ha lavorato al catasto, Einstein all’ufficio brevetti, Böll ha fatto il controllore, Bulgakov il medico condotto, Borges il bibliotecario. Del resto, e ancora Malvaldi docet, l’esistenza che non sobbolle nell’ansia di produrre sempre qualcosa di utile, entro i canoni efficientisti, è la più ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno