· Città del Vaticano ·

I novant’anni del musicologo Alberto Basso

L’uomo di Bach

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 settembre 2021
Il mondo bachiano in Italia non sarebbe lo stesso senza Alberto Basso. La mole di studi, la qualità della sua ricerca e la diffusione internazionale che hanno avuto i suoi testi sono un vero e proprio spartiacque musicologico per il Paese. È abbastanza assodato che ci sia un prima e un dopo Basso: chiunque abbia fatto degli studi musicali — interpreti, cantanti, direttori o musicologi — possiede almeno uno dei ponderosi volumi dello studioso torinese. Il più apprezzato resta probabilmente Frau Musika, mille pagine di ritratto devoto ma rigoroso. «L’attività di Basso è stata d’esempio per tutti noi che abbiamo messo Bach al centro della nostra ricerca» sostiene la pianista Chiara Bertoglio, che di mestiere fa anche la musicologa e la teologa – e quando si parla di musicisti come Bach ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno