· Città del Vaticano ·

«Davanti a un corpo nudo» di Jeannette Lozano Clariond

L’impossibilità di dire l’oltre

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 settembre 2021
«Davanti a un corpo nudo» della scrittrice messicana Jeannette Lozano Clariond (Roma, Edizioni Fili d’Aquilone, 2021, pagine 111, euro 15) rappresenta la persistenza nel secondo millennio di una sostanza poetica che proviene da molto lontano. Perché questo vero e proprio poema religioso, tradotto dallo spagnolo da Alessio Brandolini (estensore anche della prefazione) è strutturato sull’alternanza di prosa-frammento, preponderante, e pochi versicoli brevi e liberi da formule metriche, scaturisce dalla poetica della croce. Una dimensione, che trova uno dei punti di maggior dilatazione espressionistica in Iacopone, attraversata da una sensibilità acutissima, in cui partecipazione al dolore e amore si scontrano e incontrano in una poetica che trova altre radici in Giovanni della Croce e Teresa d’Avila. La ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno